NBA, Where GALLINARI Happens

E’ fatta! L’abbiamo scelto, l’abbiamo scelto! Danilo Gallinari è, da stanotte, un Knickerbocker! Che dire, le occhiaie di stamane sono ampiamente giustificate dall’emozione provata verso le 2:00 di questo venerdì, quanto il commissioner David Stern ha associato il nome del Nostro a quello della franchigia della Grande Mela: un italiano a New York!

Difficile fare previsioni su chi diventerà il Gallo per i Knicks, ma il talento c’è eccome e se fosse stato scelto con la chiamata #4 sarebbe forse stato ancora più sensato, visto che, andati Derrick Rose, Michael Beasley ed OJ Mayo, c’era obbligatoriamente LUI. Meglio così. L’importante è che ora gli sia dato un impiego sufficiente a farlo crescere sì gradatamente ma anche con decisione, un 20 minuti a sera come minimo tanto per capirci. Mike D’Antoni, in questo senso, può essere una garanzia, visto che noi tifosi siamo abituati a vedere molti DNP (Did Not Play) accanto ai rookie.

Doveroso un commento pure sui fischi del pubblico presente in sala: basta andarsi a cercare qualche filmato su Youtube per vederne le facce di questi “fischiatori”; erano lì per fare kasino, avessero clonato MJ e scelto, avrebbero fischiato ugualmente. Ricordo, in questo senso che David Lee fu sonoramente fischiato perchè scelto prima di Taft (chi???), prodotto locale, stessa sorte che toccò a Renaldo Balkman. “Stranamente”, quelli più scatenati, indovinate quali canotte indossavano ieri notte… per non parlare di Donnie Walsh: al suo primo draft ad Indiana scelse Chuck Person (diventato poi rookie of the year) ed un certo Reggie Miller al secondo, entrambe le chiamate subissate dai fischi.

Per chiudere, la scheda tecnica di Gallinari direttamente dal suo sito:

Danilo Gallinari, classe 1988 è una guardia/ala di 206 cm, con grandi capacità tecniche e tattiche.
E’ uno dei migliori nella fase di 1 contro 1 d’Europa e non è niente male anche in difesa (dote ereditata da papà Vittorio).
Sempre pronto nei momenti decisivi, Danilo è un ragazzo molto determinato e lo si vede soprattutto quando gioca, scende in campo sempre per vincere.

La carriera di Danilo comincia già nel 1992. E’ infatti in quell’anno che muove i primi passi importanti nel mondo del basket, con la squadra di minibasket del Livorno, dove papà Vittorio militava.
E’ il 1994 quando Danilo torna a Graffignana, dove per tre anni gioca a Borghetto sempre a minibasket. Si fa notare velocemente e nel 1996 si sposta a Lodi per giocare prima a minibasket per poi passare alla propaganda. Vi rimane fino al 2000, ottenendo ottimi risultati tra cui la vittoria alle finali regionali tenutesi a Carugate.

Nella stagione 2000/2001 gioca a Milano 3 nella categoria giovanile ragazzi nazionale.
Nella stagione 2001/02 si trasferisce nell’Ombriano categoria ragazzi e gioca contemporaneamente nella categoria giovanile allievi dell’Assigeco Casalpusterlengo, dove raggiunge le finali nazionali di Verona. Le sue ottime prestazioni lo fanno crescere e lo portano a salire di categoria, giocando nei cadetti e juniores, ottenendo anche in questo caso le finali nazionali. Danilo migliora notevolmente tanto da guadagnarsi anche la promozione nella categoria b2 in una finale bellissima contro Senigallia.
E’ il 2003 e Danilo inizia la sua avventura con la maglia azzurra: viene convocato nella Nazionale Under 16, partecipando a numerosi tornei internazionali: in Serbia (miglior giovane), a Roma (miglior giocatore), a Trieste (miglior realizzatore). Nel Luglio 2004 partecipa in Grecia agli Europei Under 16 dove si conferma miglior realizzatore ed entra a far parte del quintetto di migliori giocatori dell’Europeo. Partecipa poi ad un altro torneo internazionale Under 16, questa volta in Francia, dove viene nominato miglior realizzatore. Sempre nel 2004 avviene il passaggio all’Under 18, con la quale partecipa ad un torneo negli Stati Uniti.
Gioca la stagione 2004/05 nell’Assigeco Casalpusterlengo in categoria b1 e nella squadra juniores; la stagione successiva avviene il salto di qualità: firma con Milano nell’estate del 2005 un contratto di tre anni. Il primo però lo giocherà in prestito all’Edimes Pavia in LegaDue; qui conquisterà all’unanimità il titolo di miglior giocatore italiano della Lega.
Nel 2006 Danilo debutta in Serie A entrando in via definitiva a far parte dell’Olimpia Armani Jeans Milano.
La sua ascesa continua anche in Nazionale dove, nel Luglio del 2005, vince la medaglia di Bronzo agli Europei di Belgrado. Successivamente infila una serie di successi: miglior giovane nel torneo in Spagna, miglior giocatore nel torneo a Tarvisio, miglior giovane nel torneo in Turchia. E’ del 2006 il suo esordio nella Nazionale maggiore. Il 23 Dicembre viene convocato infatti al All Star Game di Torino, dove vince la finale della gara del tiro da tre punti contro Micheal Jordan.
Nell’estate del 2007 gioca varie partite (Bormio, Cagliari, Atene, Bamberg) in preparazione degli Europei di Spagna che purtroppo però salterà a causa di un infortunio.

Articolo precedente
Lascia un commento

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Pagine

  • KNICKS ITALIA SU FACEBOOK

  • Seguimi su Twitter

  • Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: