I Magnifici Sette

9 vinte, 11 perse: Il miracolo continua. Nonostante la flessione avuta dopo le due trades “spiegate” nel precedente intervento, i Knicks restano in corsa per i Playoffs, il tutto giocando solamente in sette da almeno 15-20 giorni, visto che tra problemi contrattuali (Marbury) e medici (Jeffries – rientrato l’altro ieri -, Gallinari, Curry ed ora pure Mobley e Robinson), il roster è ridotto all’osso.

Inspiegabile o meno, siamo lì, abbondantemente in linea di galleggiamento, guidati da Chris Duhon, play accolto con scetticismo e che invece si sta rivelando un vero leader. FINALMENTE un regista che sa leggere i miss-match, sapendo SE, QUANDO e COME cavalcarli… o addirittura mettersi in proprio, con penetrazioni o bombe che francamente neppure a Chicago conoscevano. Una gara, due gare, massimo tre possono essere un caso, un momento di forma particolare, ma qui stiamo parlando di ormai due mesi ad altissimi livelli, tanto da fugare tutti i “se” ed i “ma” del caso.

A dire la verità il sottoscritto, scottato da troppe false partenze arrivate dopo altrettanti proclami, aveva accolto con freddezza non solo Duhon, ma pure coach Mike D’Antoni. Ebbene, stiamo tutti – udite, udite – apprezzando la difesa di questi Knicks, cosa che mai ci saremmo aspettati, soprattutto per le voci che giravamo nella Lega sul suo sottovalutare questo fondamentale. Se ciò resta comunque vero considerando partite come quella contro i Warriors, in cui tutte e due le squadre ricorrevano al run-and-gun frenetico, che dire della gara di ieri sera contro i Pistons? Abbiamo spesso accettato il loro gioco a metacampo, facendo rotazioni difensive fenomenali, tanto da andare a riposo con più di 20 punti di vantaggio.

Francamente sono rimasto sorpreso da queste rotazioni, la prima volta ho pensato che il raddoppiante sia stato fortunato nel rientrare nella posizione corretta (a zona!) quando il raddoppiato ha dato via la palla, la seconda pure, ma alla terza, beh, è stato il segno che su queste cose ci si è lavorato. E’ anni infatti che predico su queste pagine che la soluzione più corretta, se hai giocatori fisiologicamente carenti nella difesa a uomo, è quella di adottare una zona mista: finalmente si è vista, e non perchè io sia un genio, ma perchè chi c’era prima era un incapace!

Con questo sistema, pure David Lee non sembra più la “groviera” che conoscevamo. Tra l’altro il Generale, da quando Zach Randolph non è più al suo fianco, è esploso a livello statistico. Contro Golden State ha piazzato il career-high in punti, e contro Detroit è risultato decisivo con i suoi rimbalzi, quando gli eredi dei Bad Boys sono rientrati ad un pericoloso -7. Il pick-and-roll con Duhon si sta tra l’altro rivelando letale per le difese avversarie, che per ora non sono corse ai ripari…

… e se blocchi questo, c’è Wilson Chandler dalla media-lunga distanza a punirti… o Al Harrington, o Quentin Richardson. Sogno o son desto?

L’idea di base è che stiamo sovraperformando… ma una considerazione in questo senso è d’obbligo, vostro onore: certa gente è stata solo tra le mani di Isiah Thomas, quindi i limiti possono essere ancora inesplorati. Che in sette stiamo facendo ben più del massimo è palese. Da un paio di gare, però, è rientrato Jared Jeffries, che D’Antoni stava aspettando con impazienza. Sta giocando pochissimi minuti, come logico, ma ha già fatto intravedere come può essere utile alla causa nel sistema del Baffo. A breve rientrerà pure Robinson, mentre il nostro Danilo è fuori ALMENO fino al nuovo anno. Il GM Donnie Walsh si sta mordendo le mani, dal momento che contina a ripetere che uno di vent’anni con la sua lettura delle situazioni di gioco, abbinato ad un tiro letale da ogni dove, non l’ha mai neppure sognato.

La soluzione più logica sarebbe creare posto in roster, dal momento che Mobley probabilmente si ritererà per problemi di aritmia cardiaca (o giocherà con una deroga da lui firmata come in tutte le sue precedenti vite sportive), Jerome James non si sa bene cosa ancora ci faccia lì, e Marb… vabbeh neppure lo voglio nominare. Patrick Ewing Jr. ed Allan Houston (?!?) si stanno allenando nelle strutture della Franchigia, ma la situazione è in stallo. Personalmente userei il contratto di Malik Rose per arrivare ad una guardia, ma la priorità resta il 2010, e Walsh lavorerà in questo senso.

Ora ci aspettano cinque gare in trasferta che dovrebbero far precipitare il record, soprattutto alla luce della fatica accumulata, ma mai dire mai… oggi più che mai: GO KNICKS GO!

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Pagine

  • KNICKS ITALIA SU FACEBOOK

  • Seguimi su Twitter

  • Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: