Playoffs, si va a South Beach

Alla fine non abbiamo “perso apposta” per cercare di finire contro i Bulls e ci toccheranno gli Heat. Non abbiamo speranze, ma questo già si sa. Ve lo diranno tutti, lo leggerete ovunque. Da tifosi, però, dobbiamo crederci.

Onestamente non so in cosa sperare, dovremo andare oltre i nostri limiti e sperare che loro ci diano una grossa mano, sottoperformando. Importantissime le prime due gare a Miami: serve subito il colpaccio, così da permetterci di perdere una delle prime due gare casalinghe per poi – quando la serie è sul 2-2 – giocarcela alla morte nell’1-1-1 successivo (Miami, New York, Miami). Molti sorrideranno visto che ho scritto di arrivare a gara-5 in parità, ma appunto sto disquisendo sul COME potremmo batterli, non che li batteremo.

Sarà importantissimo non concedere punti facili, in contropiede – terreno sul quale gli Heat si esaltano – con perse “stupide”, giocare al 24mo secondo, costringerli al tiro dalla media senza poter attaccare il canestro. In attacco oltre ai punti di Carmelo Anthony serve la pericolosità da fuori delle nostre bocche da fuoco Steve Novak e JR Smith, cosa facile dal momento che Miami è una delle migliori squadre difensive sul perimetro della Lega. A mio avviso con una quindicina di bombe messe con discrete percentuali saremo sempre in partita, soprattutto se la difesa sarà sempre quella vista con Mike Woodson.

Match-up che potrebbe spostare l’ago della bilancia quello tra Amar’e Stoudemire e Chris Bosh. Intendo in senso assoluto, non l’uno-contro-uno che probabilmente non ci sarà, con Tyson Chandler dirottato sull’ex-Raptor. Chi avrà numeri migliori probabilmente sarà un fattore più del duello Lebron-‘Melo.

Per avere una minima chance, tutto dovrà girare non bene, ma benissimo. Così se Landry Fields ha ritrovato il tiro – come parrebbe dalle ultime partite dopo una stagione al di sotto delle aspettative – potrebbe incidere più del previsto. Iman Shumpert sarà impegnato su Wade: ha dimostrato in regular season di poterlo limitare, almeno un pochino ed in determinate situazioni, vedremo nei Playoffs.

Bando alle ciance: sabato 27, ore 21.30, diretta SKY SPORT, gara-1 da South Beach. #crederci. GO NY GO.

ULTIMISSIMA: Tyson non ha partecipato all’allenamento di oggi causa influenza. Woodson ha detto che potrebbe non giocare. Pretattica del coach, ok, intanto l’allenamento l’ha saltato davvero. Ci serve non al 100%, ma 110% della sua resa. Ripeto, tutto dovrà girare benissimo, ma se iniziamo così beh la sfiga al solito ci vede benissimo.

Articolo precedente
Lascia un commento

7 commenti

  1. Spiudy

     /  28 aprile 2012

    Ricordate quando scrissi sul forum “Cambiando il coach le cose cambieranno, ma non aspettatevi miracoli”? Ero stato fin troppo generoso con questo “Progetto Knicks”!!!
    Fermato Carmelo Anthony, fermato tutto.
    La cosa peggiore è che questo team con questo salary cap non ha margine per fare meglio di quello che sta facendo, anzi potrebbe pure perdere pezzi per strada.
    E stasera avete avuto tutti la prova che contro una contender vera in una partita che conta davvero CI ASFALTANO DI BRUTTO, SENZA SE E SENZA MA.
    Forza Melo e forza tutti quelli che l’hanno voluto a Ny per vendere più magliette ai babbi..
    Voi del forum si che ne capite di basket…

    Rispondi
  2. Spiudy

     /  28 aprile 2012

    Aggiungo che voi del forum avete un culo sfacciato…
    Adesso per un’altra estate andrete avanti a menarla che Lebron doveva vincere a tutti i costi, che siamo stati sfigati che Shump si è rotto e Lin non c’era, che gli arbitri sono venduti, ecc ecc…
    MA L’ANNO PROSSIMO CON UN COACH VERO PER TUTTA LA SEASON E SENZA INFORTUNI VEDRETE CHI SONO I KNICKS!!!
    Scuse su scuse su scuse!!!
    VIA CARMELO ANTHONY SUBITO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
  3. SkydAnc3R

     /  29 aprile 2012

    Mi dai il tuo IBAN che ti faccio un bonifico da 50 euro (o 100, non so come sono da te le tariffe)?

    Rispondi
    • Spiudy

       /  29 aprile 2012

      Dai cazzo Sky sto giro devi ammetterlo pure te..
      Ok, non ci fosse stato il Baffo saremmo arrivati terzi e non avremmo beccato subito Miami ma prima o dopo la beccavi comunque e il risultato e’ che ci siamo sciolti come neve al sole..
      Perdere ci sta sempre e con chiunque ma ieri e’ stata impotenza totale, annichilimento su tutti i fronti.
      E questo sarebbe il progetto Knicks?
      Ora un allenatore almeno decente c’e’, eppure..
      Bah..

      Rispondi
  4. SkydAnc3R

     /  29 aprile 2012

    Ma guarda che il discorso è sempre lo stesso, non cambia da dicembre, non c’è da ammettere nulla… CHI e MIA sono le prime due ad Est, ma chi ha mai detto che eravamo superiori? Terzi ad est e ok, guarda che è successo tra IND e ORL, i Magic hanno battuto i Pacers senza Howard, noi da terzi o quarti facevamo almeno un po’ di strada, mica pretendo il Titolo. Il discorso era il sottoperformare con d’antoni, e lo sai.
    Poi ripeto che io aspetto i primi mesi della prossima season x tirare delle conclusioni sul roster e su Stat-Melo, Woodson è una situazione di ripiego ma cmq sempre meglio di quello di prima…
    Anche qui, ripeto: la stagione era compromessa, chiudiamo meglio che possiamo e i conti si faranno dall’anno prossimo.

    Rispondi
    • Spiudy

       /  29 aprile 2012

      Abbi pazienza Sky ma i discorsi sul forum non erano questi.
      Ricordo bene quando Parmy, Jack, Giokn mi spiegavano che era stato preso Melo per provare a vincere, cosa che con Danilo non si poteva fare (e sono d’accordissimo).
      Provare a vincere però a casa mia vuol dire provare a giocarsela anche con i migliori della classe, non puntare ad essere terzi!
      Poi specialmente ora con una eastern che fa pietà dove la terza forza è Indiana e poi a seguire squadre destinate ad essere smontate come Boston o Orlando..
      Melo è stato preso per puntare al titolo perchè – come si è detto più volte – con un allenatore normale pure con Gallinari ce la saremmo dovuta giocare contro Indiana!!!
      Ma a quanto pare Melo non serve per vincere, con buona pace di chi l’ha voluto a tutti i costi.

      Rispondi
      • SkydAnc3R

         /  1 maggio 2012

        Ti rispondo qui ma vale anche x quello che hai scritto sotto un altro post: l’hai scritto anche tu, “PROVARE a vincere”, non la certezza eh! Ti copio una cosa che ho scritto poco fa sul forum:
        “… ma l’errore di base sta proprio qui: noi abbiamo preso quello che stava nell’elite ma cmq dietro a questi che hai nominato (Kobe, James, Wade, KD, Rose) e che erano irraggiungibili, abbiamo preso quello che potevamo – il meglio – dopo The Decision. Lasciando fuori Kobe x età x dire, gli altri non erano sul mercato, ovvio. Se tu, come altri, la pensavi o la credevi diversa, sbagliavi. Stiamo parlando di alti, altissimi livelli, questa squadra sarebbe arrivata terza o quarta ad Est quest’anno solo di talento, poi ovvio che da lì c’è la sfida con il top del top e chi ha mai creduto di essere davanti? ripeto se lo pensavi, ci hai sopravvalutato. Poi magari te la giochi, entrano in campo robe tipo la tenuta mentale, tu dai tutto e magari all’altro gira male, gira una caviglia di troppo e vinci, chi lo sa, ma parti cmq dietro.”

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Pagine

  • KNICKS ITALIA SU FACEBOOK

  • Seguimi su Twitter

  • Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: