Gara-2: Heat 104, Knicks 94 – Impotenti

Si torna a New York sotto di un 2-0 dopo due partite che, per un motivo o per l’altro, non abbiamo mai avuto la possibilità di giocarci. Tutto secondo pronostico, purtroppo.

Il secondo tempo di gara-2 ci ha sempre visto sotto mediamente di 8 punti e con una forte sensazione di impotenza. Certo, abbiamo attaccato un pochino meglio ma a mio modo di vedere perchè la difesa avversaria ce l’ha concesso, oltre ad alcune bombe di Baron Davis davvero estemporanee e fuori copione che hanno ulteriormente limitato i danni. La sensazione è che ci abbiano scherzati e che avrebbero potuto accelerare e lasciarci al palo in qualsiasi momento.

L’assenza di Iman Shumpert è fondamentale, come previsto. Dwayne Wade, marcato da Landry Fields, è stato devastante, non tanto a livello numerico complessivo ma nella facilità con cui arrivava al tiro rispetto alla fatica bestiale fatta da noi in attacco, frustrandoci ulteriormente. Fields non è stato in grado di impedirgli ricezioni profonde degne di un pivot, ed è stato un massacro. Il secondo anno di Stanford dall’altra parte è stato ancora una volta esitante nel prendere qualunque decisione, rallentando ulteriormente lo sviluppo dei giochi.

Leggo di nuovo tante critiche all’arbitraggio. Francamente questa volta sono arrivati sì fischi casalinghi, ma nulla di così scandaloso. Piuttosto è una Superstar come Amar’e Stoudemire che dovrebbe procurarsi i falli con un linguaggio del corpo aggressivo, poi a quel punto potremmo recriminare se i fischi non arrivano. Invece non ha trovato meglio da fare, in campo, che farsi stoppare da Mike Miller: ecco l’unica cosa degna di nota per il quale lo ricordiamo. Per non parlare dei tanti 2+1 concessi a Lebron James: ma come, in difesa sei deleterio, in attacco non mi dai nulla e proprio per le tue carenze difensive ti aggrappi al fallo per fermarlo, almeno faglielo duro – ATTENZIONE, “duro”, non “sporco” – che non possa appoggiare facilmente! Invece no, pare di vedere un ex giocatore deambulare per il campo senza voglia. Quest’ultimo è l’aspetto a mio avviso più grave, perchè se può avere una giustificazione per le condizioni della schiena, non l’ha di certo per l’attitudine dimostrata…

… ma non avevamo visto ancora nulla, se è vero – ed è vero! – che negli spogliatoi ha sfondato con un pugno il vetro di protezione di un estintore, procurandosi una profonda ferita che potrebbe tenerlo fuori per tutto il resto della serie. Frustrazione sfogata nel modo più stupido possibile dopo non avere mostrato il benchè minimo carattere sul parquet. Non è nelle mie corde difendere ma faccio fatica in attacco? Bene allora mi faccio il mazzo ed aggredisco qualunque situazione tanto che alla fine non ho neppure più le forze per dare un pugno nel post partita. L’NBA di oggi è altra cosa, purtroppo, e “vincono” gli Stoudemire o i simulatori lamentosi stile Heat o Clippers. Ancora voglia di accusare i fighetti del calcio? La direzione intrapresa dalla Lega è proprio quella, invece.

Facile ora fare ironia e dire “meglio così”. Invece no, per battere Miami avremmo bisogno di tutti, al 150% delle loro qualità e forse non basterebbe neppure.

Alla fine offensivamente ci siamo aggrappati al solo Carmelo Anthony per 30 punti che non hanno minimamente scalfito i 65 dei Big Three degli Heat. Tyson Chandler ha buttato sul campo tutto quello che ha dopo i noti problemi influenzali, rimbalzi offensivi, tap-out, insomma la solita encomiabile partita. Bene anche il Barone, ma sappiamo quando poco può dare.

Purtroppo uno dei nostri più grossi problemi è non andare in lunetta, ma qui gli arbitri c’entrano poco perchè come dicevo sopra è anche il linguaggio del corpo e l’aggressività verso il canestro che ti portano fischi a favore. Purtroppo se ci metti 10-12 secondi ad entrare nello schema offensivo – merito della difesa perimetrale di Miami, sia chiaro – e te ne rimangono altrettanti a sei metri dal canestro, è anche difficile buttarsi tre-contro-uno con credibilità che non sia la disperazione del non sapere cosa fare. Mike Woodson qualcosa ha provato a fare dopo le difficoltà di domenica, per esempio partendo dal pick-and-roll centrale con Chandler per far ricevere dopo ‘Melo su uno dei lati, ma è dura, durissima.

Senza Stat aspettiamoci ‘Melo da 4 e JR Smith titolare, con conseguente indebolimento della panchina, il punto di forza dei Knicks dell’era-Woodson. Si parla di Jeremy Lin rientrante per gara-4. A parte un sussulto d’orgoglio ad uso e consumo di giocatori – ormai chiamiamoli” superstiti” – e pubblico stile Willis Reed, non credo che possa essere una buona idea far rientrare in fretta e furia un giocatore ancora in convalescenza che già al top della condizione, in regular season, patì oltremisura la fisicità degli Heat. Certo, il lieto fine perfetto sarebbe la Linsanity che porta a gara-7 Wade e compagni, ma la realtà è che sarà praticamente impossibile vincere la prima gara in post season negli ultimi 12 anni.

Lascia un commento

6 commenti

  1. Spiudy

     /  1 maggio 2012

    Sarebbe ora di guardare in faccia la realtà.
    I Knicks non possono competere con Miami.
    I Knicks non possono competere con nessun team che punti seriamente al titolo.
    E per ottenere questo sconfortante risultato abbiamo dovuto saturare tutto il nostro Cap senza aver più il minimo margine di manovra.
    Per avere questi risultati io da italiano stupido e limitato quale sono mi tenevo a New York City Danilo Gallinari e, anche se noioso, sono orgoglioso di ripeterlo all’infinito.
    Ma questo purtroppo è il passato.
    Ora, qual’è il nostro futuro?
    La serie con gli Heat è già scritta da tempo e non illudiamoci che questi ci regalino una partita per la nostra gloria.. Loro puntano a vincere l’anello e con noi stanno solo giocando al gatto e al topo.
    E l’anno prossimo?
    Obiettivo terzo posto per poi essere di nuovo rasi al suolo quando ai PO incontreremo la Miami di turno?
    Sarebbe questo il grande progetto Knicks?
    E allora la domanda è sempre la stessa, Carmelo Anthony cosa ci è venuto a fare ai Knicks?
    E’ un grandissimo? Allora dovremmo almeno giocarcela con gli Heat.
    Non siamo neanche in grado di dare un minimo di fastidio allo squadrone del secolo?
    Allora Melo che l’abbiamo preso a fare?

    Rispondi
  2. Spiudy

     /  2 maggio 2012

    Non capisco cosa serva ora parlare di tankare o non tankare.
    Non c’e’mai stata programmazione per nulla a NY.
    Dal dopo il no grazie di Lebron tutto e’ stato fatto a cazzo per provare ad essere come gli altri senza mai avere una identita’ propria.
    Siamo ridicoli, la piazza tra le più ricche se non la più ricca, e passiamo anno dopo anno dopo anno a fare sempre gli stessi errori..
    Cambio squadra.

    Rispondi
    • SkydAnc3R

       /  2 maggio 2012

      Tankare? ma parli del forum? x rispondere qui tanto vale che vai a scrivere là, ti ho tolto il ban. La programmazione beh come ho scritto mi pare a Driu l’altro giorno, abbiamo preso ciò che era rimasto dopo quella free agency andati i due più forti, ossia James e Wade (preferivi Boozer? non credo).

      Rispondi
  3. adriano

     /  3 maggio 2012

    Io non so spiudy, siamo un forum da serie Z ma ci leggi quotidianamente?? Non hai proprio niente da fare per ridurti a certi livelli!

    Rispondi
    • Spiudy

       /  3 maggio 2012

      In effetti hai ragione, sono uno di quei pochi fortunati rimasti in Italia (politici a parte) che lavorano poco e guadagnano bene.. Sicche’ ho un sacco di tempo libero!
      E poi la verita’ e’ che stimo Sky per la sua passione e competenza e per leggere cagate da altre parti leggo molto piu’ volentieri il forum. Non sempre sono d’accordo e se vigesse la democrazia mi sarebbe piaciuto continuare il mio Uno Contro Tutti anche perche’
      su alcune cose sono convinto
      di avere ragione. Ma alla fine va bene anche cosi’.. Seven mi fa scassare con le sue battute, alcuni ragazzi piu’ giovani mi fanno morire per la loro ingenuita’ e Driu tiene alta la mia bandiera dello scettico-deluso-incazzato.
      Ma il mio mito vero rimane Wilson..
      Ogni partita e’ quella decisiva, la svolta della stagione!
      Sto giro spacchiamo raga, me lo sento!
      40 punti di Melo ed e’ fatta!
      Grande Wilson, a leggere lui non direi mai che viaggiamo per un 4 a 0 e tutti a casa!

      Rispondi
      • Spiudy

         /  4 maggio 2012

        Finalmente cazzo, finalmente!!!
        Ci e’ voluto il suo tempo ma finalmente leggo le cose che dicevo io mesi fa prima di essere cacciato!
        Jax non verra’ mai ai Knicks.
        Questo team e’ inferiore a troppe squadre Nba che lottano per un posto al sole.
        Ny non e’ per nulla attrattiva per gente che vuole provare a vincere ma solo per sanguisughe a caccia di dollaroni facili che noi concediamo con facilita’ a cani e porci.
        I players che spostano davvero li abbiamo mancati tutti dal primo all’ultimo da Lebron a CP3 passando per DWill.
        Idem per i coach.
        Siamo una squadretta alla Atlanta (come detto sul forum)che ha zero possibilita’ di andare avanti ai PO di oggi e di domani.
        C’e’ voluto il suo tempo ma almeno le cose si sono dimostrate esattamente per quelle che sono.
        Cambiamo il coach ma non aspettatevi miracoli.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Pagine

  • KNICKS ITALIA SU FACEBOOK

  • Seguimi su Twitter

  • Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: