JR Smith e Iman Shumpert ceduti per… niente

Knicks, Pacers, NBA, PlayoffsCon la stagione ormai andata – o, volendola leggere al contrario, in piena lotta per la scelta numero uno al prossimo draft – Phil Jackson scarica il contratto di JR Smith, essenzialmente in cambio di una seconda scelta. La trade esatta potete leggerla qui:

http://www.nba.com/knicks/knicks-part-three-team-trade

Sostanzialmente questo scambio non cambia molto a livello generale, perchè l’ultimo anno di contratto di JR era comunque ‘stretchabile’ e quindi spalmabile su tre anni, pesando sul cap annualmente per $2 milioni, e cede Shumpert, su cui non è stata esercitata la team option e quindi sarebbe diventato free agent a luglio. I tre arrivati da Cleveland ed Oklahoma City saranno verosimilmente tagliati entro venerdì (così non diventeranno contratti garantiti), mentre Samuel Dalembert è già stato tagliato. In campo dovranno comunque andare in cinque anche domani, purtroppo ci sono ancora tante partite per stabilire il peggior record franchigia se non NBA, quindi ci si aspetta qualche acquisizione dalla D-League (Galloway e Thanasis?).

Gli unici contratti pesanti che in estate resteranno a libro paga sono quelli di Carmelo Anthony e Josè Calderon (spagnolo che potrebbe subìre la stretch provision descritta sopra per Smith), ma ripeto non è che le cose oggi siano tanto diverse da quelle che erano ieri. Quello che non capisco è perchè alla fine non si ha mai la sensazione non dico di “vincere” uno scambio, ma almeno di pareggiarlo, anche quando non siamo noi quelli con la… lama in mano. Spiego il mio punto di vista, riprendendo i miei post a caldo sul forum.

Questione contratto-JR: visto che ci sono queste previsioni di cap che tra due anni schizzerà alle stelle, il peso di quei due milioni (contratto da $6M, spalmato su 3 anni, 2M+2M+2M) è “pesante” solo nel 2015, ma quest’anno chi dobbiamo prendere assolutamente ed a tutti i costi? non necessariamente due giocatori, quindi non è che ti serve ogni penny di spazio. Certo, meglio essere nella migliore posizione possibile per non lasciare nulla di intentato e non avere rimpianti (Gasol più Dragic?), forse Jackson ha ragionato così, ma non siamo in una situazione come nel 2010 in cui i free agent erano grossi calibri, gente che spostava davvero, perchè hai già capito a meno di non essere un illuso che Gasol resterà dov’è, ed Aldridge pure, sia per questioni tecniche che economiche, quindi non è “2015 or die”, e dal 2016 quei due milioni ti pesano meno perchè il cap si alza.

Per questo dico trade inutile senza una prima scelta o l’utopia Reggie Jackson, che il nostro Presidente ha provato a chiedere ai Thunder, così invece abbiamo solo fatto un favore ai Cavs, che erano disperati nel cercare di cedere Waiters e si sono messi in casa Shumpert che se deve solo difendere e non creare e lo metti di fianco ad Irving-Lebron-Love e magari un lungo che ora troveranno, fa la sua porca figura (se devi andare con uno showstopper su Wade o Rose chi ci mandavi, Waiters?), JR che al contrario di Waiters ha accettato lo spot da sesto uomo e non è mai andato in rotta di collisione con le superstar di turno, e noi ci portiamo DI FATTO a casa una seconda scelta. Io avrei detto “o Reggie Jackson o fatevela tra di voi”, ma io non ho 11 anelli alle dita, quindi continuo a fidarmi, MA per ora – al netto delle situazioni che hanno ereditato – di magate dai santoni Walsh prima e Jackson poi non ne ho (ancora) viste.

Shumpert e le promesse non mantenute: ok a luglio l’avremmo mollato, però a margine faccio notare draft 2011:
#17 Shumpert. In mano a D’antoni e Woodson: zero progressi ed involuzione.
#30 Butler. In mano a Thibo: giocatore da massimo contrattuale.
Ok il draft non è una scienza esatta, ma se ai Knicks qualcosa deve andare male, state pur certo che andrà male, e la colpa è solo nostra!

L’esigenza di cedere Waiters: L’INTERA NBA sa che CLEVELAND VUOLE CEDERE WAITERS e noi ci mettiamo in posizione supina, ennesimo stupro o giù di lì… loro ottengono quello che vogliono, sbolognare Waiters, prendere un sesto uomo ed un difensore perimetrale (vedi sopra, poi gli serve un lungo? tempo al tempo, c’è pure Dalembert tra i tagliati…) cedendo in sostanza UNA SECONDA SCELTA?!?

Ricordate quando Walsh ha ceduto Jeffries? TUTTA L’NBA SAPEVA CHE VOLEVAMO CEDERE JEFFRIES per far spazio per il 2010, non avevamo margine di trattativa, e VIA UNA PRIMA SCELTA. Jeffries, non Kevin Garnett nel suo ‘prime’, JEFFRIES, il mago-Walsh, una prima scelta (condire tutto con il gesto-esultanza di Luca Toni, mano all’orecchio, non so se mi spiego). Mancano due mesi alla deadline, ok il discorso che venerdì i contratti diventano garantiti, ma c’è modo e modo di cedere i giocatori su, JR alla fine l’abbiamo ceduto, eppure sembrava incedibile, cioè per farci fregare al solito tanto valeva farlo più avanti, non è che si pretende Cousins cedendo il contratto di Stoudemire, per dire, ma almeno una fottutissima prima scelta protetta 2038!!!

Non è morto nessuno, le trade si valutano sul medio/lungo periodo e se a luglio Zio Phil ci porta a casa Gasol e Dragic (sparo a caso eh) allora avrà ragione lui, ma MAI una volta che vinciamo una trade, o per lo meno che hai la sensazione di non averla presa nel di dietro, anche quando sono gli altri a DOVER cedere e chiedere aiuto in giro… no, noi cediamo sempre un sacco di scelte, indietro non ne abbiamo mai, che sia Jackson, Zeke o Walsh.

Bah.

Lascia un commento

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Pagine

  • KNICKS ITALIA SU FACEBOOK

  • Seguimi su Twitter

  • Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: